Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage le mie poesie il mio teatro Filodrammatica "Olga Farina" Molise sul palco  Video la mia musica eventi Premio Tonino Armagno presentazione Premio Tonino Armagno regolamento Compagnia teatrale Fol.Tea.M Isernia I Giocondieri di Agnone le 4 C Teatro comico degli Abruzzi Agnone "Sipario Bisaccia " Montenero di Bisaccia  "Oltre la Maschera" Auser Oratino I Teatranti Gildonesi Gildone San Paolo -Palata- contatti 

le 4 C Teatro comico degli Abruzzi Agnone

Compagnia: “ Le 4 C – TEATRO COMICO degli ABRUZZI “ - AGNONETitolo: “A ppoche a poca se coce la precoca”Atti: due – Durata: 1 ora e 50 min.Trama:Una farsa è un genere di opera teatrale la cui struttura e trama sono basate su situazioni e personaggi stravaganti, storie e atmosfere quotidiane quasi al limite dell’irrazionale. I temi e i personaggi seppur di fantasia risultano essere credibili e verosimili. L’azione si svolge in un ospedale di provincia, feudo del Prof. Giocondo Contorto, anziano primario prossimo alla pensione che ha l’autorità di investire, suo malgrado, come erede al primariato il dottor Lorenzo Putrella. Ma per arrivare a questo egli dovrà essere capace di convincere l’assessore a non far chiudere l’Ospedale. Siamo nel periodo natalizio e da poco il cane ha compiuto 18 anni! Ma che c’entra questo con la neurologia e con i panettoni che la mamma del dottor Brachetta porta ogni anno per la festa per i malati, mentre Peppe andava sopra la Majella, il maresciallo cantava a sua mamma e Michele produceva dolcetti, correndo appresso all’infermiera, che beveva lo spumante con il vermouth, non sapendo che la moglie stava giù alla lavanderia ad aspettare la corriera guidata dalla caposala? Tutto chiaro? No? Nessuna preoccupazione, dopo aver visto quello che accade, ne saprete meno di prima!Curriculum compagnia: L’Alto Molise ha avuto una tradizione teatrale sin dagli anni ‘40 con il gruppo "I Ragazzacci" protagonisti di tanti lavori all’Italo Argentino; tradizione che si è tramandata fino alla metà degli anni ‘60, allor quando nella sala del Teatro Francescano, attorno a don Camillo Carlomagno si raccolse un nutrito gruppo di giovani che diede anima a varie opere come Potenza delle tenebre, Processo a Gesù, I ragazzi della Via Paul e alla tradizionale rappresentazione sceneggiata del Presepe Vivente. Dopo la scomparsa di don Camillo nel 76, il 27 settembre del 1980 nasceva ufficialmente le 4C (Cenacolo Culturale Camillo Carlomagno). Diverse collaborazioni a livello nazionale (la cooperativa i Dioscuri, Enzo La Mendola, Mario Baldini), ne hanno rafforzato la crescita e raffinato l’esperienza. La compagnia ha portato in scena oltre 30 lavori tra autori locali (Nero, Labanca, Iannelli, Patriarca, Carosella, Bartolomeo, Sammartino, Di Ciocco) e autori classici (De Filippo, Scarpetta, Feydeau, Martorio, Fayad, De Benedetti, Fidone, Cooney). Attori: Angelo CATAURO, Carmine CAVAROZZI, Paola DEL COIRO, Raffaele DELLI QUADRI, Domisia DI CIERO, Umberto DI CIOCCO, Luigina DI MENNA, Marino DI NILLO, Eleonora LEVRIERI, Silvana DI TORO, Alessandra MENCHINELLI e Vincenzo PICCIRILLIAutore e Regia: Umberto DI CIOCCO



Tonino Armagno

"Ma che sarrà stu suone 'e campanielle ca i' sente dent' a la mente e mpiette che tant' è doce e nen me lassa mai, che cerlecheja lu core e l'''''' ' accarezza chiane?"

Poeta

dialettale

molisano

tutti i diritti riservati